"Abbiamo anche bisogno
di essere pazienti
se vogliamo capire
chi è diverso da noi:
la persona esprime
pienamente se stessa
non quando è
semplicemente tollerata,
ma quando sa di
essere davvero accolta.
Se siamo veramente
desiderosi
di ascoltare gli altri,
allora impareremo
a guardare il mondo
con occhi diversi
e ad apprezzare
l’esperienza umana
come si manifesta
nelle varie culture e
tradizioni.
Ma sapremo anche
meglio apprezzare
i grandi valori
ispirati dal Cristianesimo"


Papa Francesco
Messaggio per la XLVIII
Giornata Mondiale
delle Comunicazioni Sociali
1 giugno 2014 

GLI SPECIALI DELL'ORDINE DEL SANTO SEPOLCRO

La cultura dell'incontro

Dall’inizio del suo Pontificato, Papa Francesco ha voluto insistere sull’importanza della “cultura dell’incontro”: all’interno della Chiesa, con i credenti di altre tradizioni religiose e con chi non crede. La diversità non deve essere un elemento di ostacolo bensì una sfida nel ricercare l’arricchimento reciproco e l’unità nell'impegno a fare il bene.

Forti di quest’invito, con l’attenzione particolare che rivolgiamo alla Terra Santa che si propone come un laboratorio per eccellenza nel quale mettere in pratica la cultura dell’incontro fra i membri delle comunità religiose, dedichiamo uno spazio speciale a questo tema sul nostro sito.
 

Riga divisoria croce con linea

La cultura dell'incontro e la missione della Chiesa

Mons. Giuseppe Lazzarotto, l'accordo firmato il 26 giugno tra la Santa Sede e lo Stato della...

Continua


La visione di una Gerusalemme di pace: il rabbino Skorka

Quest’anno si festeggia il 50° anniversario della Dichiarazione conciliare sulle relazioni della...

Continua


Il dialogo interreligioso: via per la pace

« La Chiesa cattolica nulla rigetta di quanto è vero e santo in queste religioni» che «non...

Continua


"Non esiste relazione che non possa essere trasformata"

Il Rabbino David Rosen – direttore internazionale degli Affari Interreligiosi dell’American Jewish...

Continua